SGI giovani in campo per l'emergenza rifiuti in Campania firma ora

A seguito dei notevoli disagi e delle tensioni intollerabili verificatesi tra la popolazione civile e gli organi di gestione sorti a Napoli attorno alla gestione dei rifiuti, su diretto riscontro dei suoi rappresentanti Campani, la Sezione Giovani della Società Geologica Italiana ritiene indispensabile quanto doveroso rivolgersi ai suddetti destinatari e
CHIEDERE
- Esiste uno studio di impatto e fattibilità ambientale per la discarica ex Sari a Terzigno (NA)?
- Esiste o è stato fatto uno studio ad hoc per il dimensionamento dei pozzi di estrazione del percolato? Se si quale?
- Quali precauzioni sono state prese per la messa in sicurezza del fondo delle vasche di raccolta dei rifiuti, considerando il fatto che la discarica sorge su un substrato vulcanico caratterizzato da un elevato grado di permeabilità, che potrebbe portare ad un notevole aumento del rischio di inquinamento da percolato della falda acquifera?
- E’ stato realizzato un centro di compostaggio per la frazione umida onde evitare la filtrazione di liquami organici?
- Si è proceduto con lo studio di valutazione ambientale prima dell’inizio dei lavori della Ex Sari?
- E’ mai partita una valutazione di siti alternativi a quelli che sono stati individuati?
Le nostre domande possono sembrare retoriche, viste le cronache quotidiane, a chi conosce la legge e i regolamenti in materia ambienale e a come questi siano stati applicati in Campania, ma l’intento della nostra lettera è quello di fare il possibile e dare il nostro contributo, per quanto piccolo in problemi di così ampio respiro, cercando di assumere la nostra parte di responsabilità come Dottori e Geologi della Repubblica Italiana. Quindi
PROPONIAMO
Che le istituzioni politiche in collaborazione con i dirigenti degli ordini professionali realizzino un tavolo tecnico imparziale con lo scopo di valutare l’idoneità dei siti per la raccolta rifiuti e proporre soluzioni operative tese ad affrontare con cognizione tecnico-scientifica la situazione nel rispetto della salute dei cittadini, dell’ambiente e della gestione e smaltimento rifiuti.
Ci auspichiamo che questo tavolo tecnico sia composto da esperti nominati dai Comitati cittadini insieme agli Enti Pubblici interessati, oppure, estratti a sorte, tra un pool di candidati ritenuti idonei da esponenti d’inequivocabile serietà professionale. Questo significa ad esempio, usare la risorsa di energie offerta da associazioni scientifiche come la Società Geologica Italiana, l’AIGA, la SIGEA o esperti afferenti a società straniere super partes.
PROPONIAMO anche l’istituzione di un fondo economico autonomo che consenta la realizzazione di studi ed indagini indipendenti eseguite da detto comitato tecnico-scientifico.
I dati dello studio saranno resi pubblici e liberamente accessibili ad altri professionisti ed ogni cittadino interessato. Il risultato di tale studio fornirà un’imparziale valutazione tecnica della situazione, indispensabile punto di partenza per qualsiasi valutazione e decisione operativa.
La Società Geologica Italiana - Sezione Giovani si rende disponibile ad ospitare nel suo Sito web istituzionale www.giovanigeologi.it tutta la documentazione tecnica, report e position-paper redatti su base scientifica dagli Organi Ufficiali, dai Comitati di Cittadini o singoli professionisti.
INOLTRE
con questa lettera vorremmo far riflettere sulla cronaca che evidenzia quotidianamente quanto nel nostro paese vi sia necessità di geologi per affrontare con rigore scientifico i temi di sostenibilità ambientale.
Possiamo certamente dimostrare che, nell’attuale situazione campana, una prevenzione e una pianificazione, che tengano conto delle caratteristiche geologiche del territorio può, ancora oggi, facilitare la definitiva gestione dello smaltimento rifiuti, evitare future emergenze, mitigare rischi di medio-lungo termine per la salute umana e permettere il risparmio di denaro pubblico.
Per parte nostra speriamo che quest’appello scritto da giovani professionisti, possa fungere da stimolo a riaprire un dibattito tecnico-scientifico basato sui fatti e dati reali.
Chiediamo infine con forza una presa di posizione ufficiale da parte degli organi professionali ufficiali di categoria.
IN ATTESA DI UNA ESAURIENTE RISPOSTA e di qualsiasi riflessione proveniente da chiunque voglia contribuire un dibattito costruttivo
Porgiamo distinti saluti
Lì, 04/11/2010
Sezione Giovani della Società Geologica Italiana

Firma La Petizione

O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
165 / 10000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Ciro ManzoDa:
Verde e AmbienteIn:
Destinatario petizione:
Presidente Consiglio dei Ministri, Presidente Regione Campania, Presidente Provincia Napoli, Presidente ARPAC,

Sostenitori ufficiali della petizione:
Sezione Giovani della Società Geologica Italiana

Tags

discariche, discariche terzigno, emergenza rifiuti, geologi e ambiente, monnezza, vesuvio

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets