PETIZIONE POPOLARE: più riforme per rendere efficienti le istituzioni politiche, meno doppioni, privilegi e costi del sistema politico firma ora

Noi cittadini sottoscrittori siamo consapevoli dell’importanza delle istituzioni che la Costituzione ha messo a presidio del governo democratico del Paese, in particolare del sistema di assemblee elettive che dal Comune, alle Province, alle Regioni, al Parlamento nazionale rappresentano i cittadini nel governo della cosa pubblica.
Consapevoli che la Costituzione affida ai partiti politici il compito di favorire la partecipazione dei cittadini “per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale” CHIEDIAMO CHE SIANO I PARTITI A FARE QUELLE RIFORME CHE I CITTADINI VOGLIONO DA TEMPO senza le quali verrebbero meno fiducia e legittimazione.
Consapevoli del ruolo importante svolto da uomini e donne che ricoprono incarichi elettivi o esecutivi in questo complesso sistema politico istituzionale
affermiamo che:
- le istituzioni devono essere strettamente funzionali alla realizzazione di scelte trasparenti e finalizzate al perseguimento degli interessi generali;
- le cariche politiche elettive e/o esecutive devono essere realmente e visibilmente esercitate con spirito di servizio e disinteresse personale e non come mezzo per accumulare potere personale o per carriere lucrose.

Volendo ricostruire un tessuto di autentica fiducia nelle nostre istituzioni democratiche e nella partecipazione politica

CHIEDIAMO

alla Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica, a tutti i Gruppi Politici presenti in Parlamento, a tutti i Partiti democratici,
LA PREDISPOSIZIONE E APPROVAZIONE URGENTE DI UN PACCHETTO DI RIFORME COERENTI CON LE PREDETTE FINALITA’:

- Riforma del Senato, istituendo un Senato federale, con un apparato ridotto, con compiti di legislazione concorrente con la Camera dei Deputati solo nelle materie che riguardano il sistema delle Regioni e degli Enti Locali; un Senato che non esprime la fiducia al Governo e si riunisce solo periodicamente per l’esercizio delle funzioni indicate.
I senatori, che siano già titolari di cariche regionali e locali sufficientemente
remunerate, non percepiscono indennità aggiuntive, ma solo un rimborso delle
spese per la partecipazione alle sedute del Senato.

- Riforma della Camera dei Deputati, con significativa riduzione del numero dei Deputati, con norma antiproliferazione dei Gruppi parlamentari.
Fissare un numero massimo di due mandati completi consecutivi. Stabilire indennità strettamente proporzionate alle esigenze di svolgimento del mandato e comunque non oltre alla media europea. Eliminazione di tutte le agevolazioni connesse alla funzione (trasporti, mensa, assistenza medica specialistica, ecc). Eliminazione della quota dei rimborsi per il mantenimento degli assistenti parlamentari (i portaborse) prevedendo una struttura di funzionari della Camera a supporto dei Gruppi in proporzione di 1 ogni 2 parlamentari. Eliminazione della liquidazione. Eliminazione dell'attuale regime pensionistico, riconducendolo all'effettivo versamento dei contributi come nel sistema pensionistico ordinario (come già avviene per gli amministratori locali). Abolizione dei benefits per gli ex parlamentari. Istituire una normativa specifica volta ad eliminare le doppie cariche. Approvazione di una legge elettorale che pur mantenendo un sistema prevalentemente maggioritario consenta agli elettori di scegliere realmente i propri rappresentanti. Rendere obbligatorie liste con pari numero di donne e uomini e la doppia preferenza uomo/donna.

- Riforma dei Partiti politici. Una legge che dando attuazione alla
Costituzione stabilisca le regole di democrazia e partecipazione interna di cui debbono dotarsi i Partiti; introduzione di una legge per regolamentare le elezioni primarie per la selezione dei candidati; riformare il rimborso delle spese elettorali dei partiti eliminando l’anomalia del rimborso che si protrae anche dopo la fine anticipata della legislatura.

- Regioni ed Enti Locali. Fissare a livello nazionale il numero massimo dei
consiglieri regionali in proporzione alla popolazione. Fissare il tetto alle indennità dei consiglieri regionali in rapporto a quelle dei Parlamentari. Fare divieto di stabilire i vitalizi per i consiglieri regionali, analogamente a quanto stabilito per i Deputati. Ridurre il numero delle Province eliminando quelle piccole e quelle delle aree metropolitane, affidandogli il coordinamento delle funzioni amministrative su “area vasta sovracomunale” ed eliminando tutti gli altri enti secondari (Consorzi, Comunità Montane, ecc.). Favorire la gestione associata delle funzioni comunali e incentivare la fusione dei piccoli Comuni.

- Nomine in Enti e Società. Fissare il tetto massimo di compenso per chi è
nominato in Enti e Società partecipate da parte delle istituzioni nazionali, regionali e locali, parametrandolo in relazione a quello degli incarichi elettivi di pari livello. Stabilire che le nomine devono avvenire previa pubblicazione del termine entro il quale deve essere avanzata la candidatura, delle caratteristiche dell’incarico, del compenso previsto, delle incompatibilità del caso. Le candidature vanno rese pubbliche con adeguato anticipo, munite di esplicita dichiarazione di interesse alla nomina, accompagnata da curriculum, certificato penale e dei carichi pendenti.

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
104 / 100000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Informazioni

daniele arduiniDa:
Politica e GovernoIn:
Destinatario petizione:
Alla Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica, a tutti i Gruppi Politici presenti in Parlamento e a tutti i Partiti democratici.

Sostenitori ufficiali della petizione:
Il Comitato Promotore: Andrea Agostini, Luca Cardinali, Simone Giusti, Giorgio Ceccolini, Gianfranco Di Dario, Luciana Pianosi, Davide Del Fattore, Elio Cerri, Giorgio Baldantoni, Andrea Nobili, Federico Pedinotti, Giancarlo Sorbini, Daniele Arduini, Dani

Tags

costi, partiti., petizione, politica, popolare, previlegio, riforma, sistema, sprechi

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets