PER UNA DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA ……. ORA TOCCA A VOI! SOSTENETE LE ASSOCIAZIONI CULTURALI PER LA PROMOZIONE DELLA CONSULTA DEGLI OPERATORI DELLA CULTURA E DELLO SPETTACOLO firma ora

La città di Cagliari vive oggi un momento importante di rinnovamento dove anche la cultura può finalmente ritrovare la sua dovuta posizione centrale. L’apertura al dialogo della neo eletta Giunta Comunale offre i migliori auspici per una concertazione costante e produttiva tra le Istituzioni e gli operatori culturali.
Esperienza, professionalità, idee, sviluppate e consolidate sul campo dalle Associazioni Culturali locali (Arti visive e performative, Cinema, Danza, Letteratura, Musica, Teatro) possono essere strumenti preziosi da mettere a disposizione affinché Cagliari diventi una città riconosciuta per la pluralità e la qualità dei servizi e dei progetti culturali offerti.
Il Centro Culturale Man Ray – Spazio polivalente dedicato alle sperimentazioni artistiche contemporanee, Associazione di promozione sociale – rappresentato dal presidente Stefano Grassi e dallo storico dell’arte Efisio Carbone, si propone come promotore della formazione di un comitato per la promozione della Consulta degli Operatori della Cultura e dello Spettacolo, già approvata con deliberazione dal C.C. n° 98 del 04/06/1997 e in attesa di concreta attuazione.
Il momento appare propizio per formulare delle modifiche al Regolamento vigente. Tali modifiche sono l’oggetto del presente manifesto che si intende condividere con le Associazioni culturali cittadine.

PER UNA DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA.... ORA TOCCA A VOI!! CHIEDIAMO IL SOSTEGNO DI TUTTE LE ASSOCIAZIONI CULTURALI E DEI LIBERI CITTADINI PER PORTARE AVANTI INSIEME L'INIZIATIVA!

Obiettivi della Consulta

Obiettivo della Consulta sarà quello di dialogare con le Istituzioni riguardo alla programmazione delle attività Culturali e alla gestione degli spazi pubblici.
La ripresa economica del Paese sarà possibile solo attraverso mirati investimenti nella cultura in tutte le sue forme ed espressioni e nella riqualificazione delle aree e strutture dismesse, probabili fonti future per la creazione di nuovi posti di lavoro. E’ in questa prospettiva che sorge il bisogno di costruire una nuova alleanza, un patto tra cittadini, in una vera condivisione di responsabilità per la difesa della Costituzione e per una riforma che vada nella direzione di una più equa distribuzione delle risorse.
La Consulta degli Operatori della Cultura e dello Spettacolo cittadine dovrebbe promuovere una cultura della qualità e della professionalità, e assumere tutte le iniziative necessarie affinché tali valori siano garantiti negli Statuti/regolamenti delle Associazioni e osservati nella loro vita quotidiana.

Principali intenti che dovranno ispirare la Consulta:

1) Chiedere che sia fatta chiarezza sul composito e variegato mondo dell’Associazionismo. E’ infatti necessario distinguere quelle Associazioni che possono essere riconosciute come Associazioni di professionisti (per la presenza nel loro interno di figure professionali del settore, per la qualità dei progetti realizzati nel tempo), da quelle amatoriali che non hanno una sede propria, non si avvalgono di uno staff qualificato e vivono quanto serve per ottenere contributi economici liquidati a pioggia dagli Enti Pubblici.
Il giusto riconoscimento delle Associazioni che si impongono di inserire professionisti qualificati all’interno del loro staff, produce una rilevante corrispondenza tra il mercato del lavoro e la formazione universitaria, frustrata, attualmente, dalla sostituzione delle competenze specifiche con forme di dilettantismo e volontariato improprio.
2) Ottenere il riconoscimento di tutte le figure professionali che gravitano intorno al mondo della cultura, già in parte richiesto dalla Carta delle figure professionali museali dell’ICOM, attraverso l’istituzione di un registro di figure professionali riconosciute per titoli e/o esperienza consolidata sul campo.
La presenza di professionisti qualificati all’interno degli organigrammi, non solo delle Associazioni Culturali, ma anche delle Società, dei Consorzi, delle Cooperative, assicureranno garanzia di qualità ai programmi e competenza nella gestione degli spazi pubblici.
3) In un futuro ormai prossimo, i luoghi della cultura di Cagliari verranno dati in gestione con bandi di gara trasparenti, i quali conterranno linee guida che al momento sono allo studio di tecnici dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Cagliari.
La Consulta si propone come organo di concertazione per una individuazione di tali linee guida, forte dell’esperienza consolidata negli anni dalle Associazioni che la costituiranno.
4) Concertare, insieme alle Autorità competenti, sulla riqualificazione degli spazi pubblici, delle aree industriali dismesse e di tutti gli spazi (comprese le circoscrizioni) non più utilizzati.
Si ritiene che con la riqualificazione degli stessi in strutture museali, teatri, spazi polivalenti dedicati alle arti performative e di spettacolo, centri sociali e d’ascolto, si potranno creare i presupposti per nuovi posti di lavoro e il consolidamento di chi già lavora da anni come operatore culturale.
La Consulta si propone di offrire la propria esperienza professionale per l’individuazione e il reperimento dei fondi comunitari destinati ai progetti culturali, indispensabili per la riqualificazione degli spazi.
5) Concertare, insieme alle Autorità, strumenti e parametri di valutazione dei progetti culturali presentati in risposta ai bandi per i contributi economici erogati dal Comune.
6) Richiedere la pubblicazione degli elenchi dei soggetti beneficiari di contributi per attività culturali e di spettacolo con relativi importi, sul sito istituzionale del Comune di Cagliari.
7) Richiedere una programmazione almeno biennale delle attività promosse dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Cagliari sui progetti presentati preventivamente dalle Associazioni Culturali.

Firma La Petizione

O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
70 / 50000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Gianfranca LoiDa:
Cultura e SocietàIn:
Destinatario petizione:
Associazioni culturali - liberi cittadini

Sostenitori ufficiali della petizione:
Centro Culturale Man Ray

Tags

arte, associazioni culturali, cagliari, cittadinanza, consulta, cultura, democrazia partecipativa, manifesto, spettacolo

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets