Con la presente chiediamo al signor Commissario Straordinario del Comune di Pizzo di prendere in considerazione di modificare l’ordinanza nr. 25 del 20 luglio 2010 che regolamenta le diffusioni sonore causate da intrattenimenti musicali tenuti in pubblici esercizi, circoli privati, sale da ballo, stabilimenti balneari ed esercizi ricettivi consentendo gli stessi nel periodo 1 giugno – 30 settembre dalle ore 17:00 alle ore 24:00 con una proroga di un’ora nei giorni di venerdì e sabato nei soli mesi di luglio e agosto, EVIDENZIANDO che sono SEMPRE VIETATE in qualunque periodo dell’anno all’esterno dei locali nel quartiere centro storico-marina, salvo eventuali deroghe autorizzate.
Va in primis specificato che Pizzo è un paese che VIVE prevalentemente di turismo che nell’ultimo decennio anche a causa di errori causati dalla mala gestione (spiagge e mare sporchi) e carenza delle nostre risorse primarie (parcheggi e strutture ricettive) sta subendo una regressione nell’affluenza turistica, ancor più evidenziata dalla completa mancanza per i giovani di strutture adibite allo svago i quali sono costretti ad emigrare nei comune di Gizzeria e Soverato, tanto per fare dei nomi, per divertirsi.
Il Comune di Pizzo è sempre stato da anni il bacino di ritrovo di tutto l’hinterland vibonese e non solo, in evidente crescita negli ultimi 8 anni grazie all’apertura in tutto il territorio di numerosi locali notturni che hanno incrementato l’andamento economico di tutte le attività commerciali quali ristoranti, pizzerie e gelaterie anch’esse inserite in questo circolo.
La NON conoscenza del fenomeno giovani legato al fattore intrattenimento musicale ha fatto sì che le diverse amministrazioni comunali che si sono avvicendate in questo decennio non hanno fatto altro che continuare a LIMITARE la possibilità dei diversi esercizi commerciali di effettuare intrattenimenti musicali causando un FORTE MALUMORE sia negli esercenti che nei clienti stessi.
Non v’è dubbio che il riposo del sonno nelle ore notturne sia una cosa sacrosanta per ogni cittadino, anche per chi la mattina successiva debba andare a lavorare, ma il dover “forzatamente” stoppare la musica nel periodo estivo a mezzanotte CREDIAMO sia un danno all’immagine di un paese turistico che VIVE anche della movida notturna che da anche forza lavoro a molti giovani del luogo.
CREDIAMO sia giusto trovare una giusta soluzione del problema garantendo a NOI commercianti di poter esercitare le nostre attività e ai privati cittadini di potere dormire tranquilli, non certo CENSURANDO la musica in questo modo drastico crediamo sia la strada giusta per far RIVIVERE il nostro paese.

Firma La Petizione

O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
244 / 1000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Kaipira CafèDa:
MusicaIn:
Destinatario petizione:
Sig. Commissario Straordinario del Comune di Pizzo

Sostenitori ufficiali della petizione:
Kaipira

Tags

musica, ordinanza, pizzo, turismo

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets