LA COLLABORAZIONE TRA INTERMEDIARI ASSICURATIVI firma ora

Il Registro Unico degli Intermediari assicurativi e riassicurativi (RUI) - contiene i dati dei soggetti che svolgono l’attività d’intermediazione assicurativa e riassicurativa sul territorio italiano, residenti o con sede legale in Italia.

Il Registro è stato istituito dal d.lgs 7 settembre 2005, n. 209 (Codice delle Assicurazioni), in attuazione della Direttiva 2002/92/CE sull’intermediazione assicurativa, ed è disciplinato dal Regolamento ISVAP n. 5 del 16 ottobre 2006. In conformità a tale normativa, l’esercizio dell’attività d’intermediazione è riservato ai soli iscritti nel Registro. Il RUI fornisce dunque, a tutela dei consumatori, una fotografia completa dei soggetti che operano nel campo dell’intermediazione.
Il D.lgs n° 209 del 7 settembre 2005 (Codice delle assicurazioni private) al Capo II - Accesso all’attività d’intermediazione - art. 109 - Registro degli Intermediari assicurativi e riassicurativi - comma 2 - stabilisce che “non è consentita la contemporanea iscrizione dello stesso intermediario in più sezioni del registro”.
Non si comprende, da dove trae origine questo divieto, non coincidendo con nessuna normativa europea e con nessun caposaldo della legislazione italiana.
La direttiva europea che ha emanato i principi fondamentali del regolamento aveva come logica ispiratrice due principi fondamentali: best advice e best practice. L’esigenza del registro unico, serviva esclusivamente per garantire la pubblicità e le pari esigenze di tutelare il consumatore, attraverso buone pratiche e specifiche coperture assicurative.
Se la disciplina europea è la strada maestra per quelle degli altri Paesi riceventi, in particolare nel caso di norme che hanno una valenza regolatoria, ne consegue che il suo recepimento, non avrebbe dovuto discostarsi dalla logica ispiratrice della Direttiva europea. Infatti, nella Direttiva europea non c’è nessun cenno al divieto di collaborazione tra intermediari, che appare ancora più iniquo, nel nostro caso, poiché iscritti alla stessa sezione, quindi, aventi stesse caratteristiche soggettive e stessi obblighi oggettivi.
A maggior riprova di quanto fin qui affermato e considerando le intervenute successive disposizioni della Legge n° 248 del 4 agosto 2006 (Legge Bersani) in materia di plurimandato per il ramo R.C.Auto, il 16 ottobre 2006 l’ISVAP ha “consentito agli intermediari di cui alla sezione A di svolgere l’attività d’intermediazione di cui alla sezione E, a condizione che l’attività svolta in una delle due sezioni riguardi esclusivamente il ramo R.C.Auto “.
Poiché le figure degli intermediari assicurativi stabilite dalla Legge, sono le seguenti:
• Sezione A (agenti),
• Sezione B (broker),
• Sezione C (produttori diretti d’imprese di assicurazione),
• Sezione D (banche, intermediari finanziari ex art. 107 del Testo Unico Bancario, Sim e Poste italiane - Divisione servizi di Bancoposta),
• Sezione E (collaboratori degli intermediari iscritti nelle sezioni A, B e D che operano al di fuori dei locali di tali intermediari).
Ne consegue che non è consentita la contemporanea iscrizione dello stesso intermediario in più sezioni del Registro, vietandone in tal modo la collaborazione, con l’eccezione degli intermediari iscritti nelle sezioni A ed E per i soli incarichi di distribuzione concernente il ramo R.C.Auto.
In seguito ISVAP ha concesso alcune specifiche deroghe agli iscritti in E) e agli iscritti in B) creando, di fatto, una situazione asimmetrica del settore distributivo assicurativo.
Oggi, infatti, gli E) possono collaborare con tutti gli A) B) e D) che desiderano, mentre i B) possono farlo esclusivamente se rivestono vicendevolmente il ruolo di “dettagliante” (retail) o “grossista“ (wholesale).
Superfluo dire che gli A) agenti stanno percependo tutta la normativa come un’enorme ingiustizia. In particolare non si capacitano per quale misterioso motivo, mentre a loro rimane tutto inibito, ISVAP abbia stabilito che:
• Uno stesso soggetto iscritto nella sezione E) possa collaborare contemporaneamente con più di un intermediario (indifferentemente A) - B) - D) )
• Due soggetti iscritti in B) possano, dietro il paravento della fumosa distinzione dettagliante/grossista, collaborare tra loro
• Due soggetti iscritti in A) non possano collaborare, pur essendosi iscritti anche in E), nel piazzamento dei rischi accessori auto (incendio, furto, kasco… )
• Un soggetto iscritto in A) non possa piazzare quote in coassicurazione di qualsiasi rischio avvalendosi delle capacità di un soggetto iscritto in B)
• Un soggetto iscritto in B) possa collaborare con un soggetto iscritto in A) (purché munito di procura !) ma non viceversa
• Un soggetto iscritto in A) non possa collaborare con un soggetto iscritto in D)
Appare dunque evidente , da questa breve nota, quanto sia stretto e accidentato il sentiero in cui svolgono la loro attività gli oltre n° 23.000 agenti di assicurazione italiani iscritti al R.U.I.
In considerazione del fatto che:
- Essi detengono oltre l’80 % del mercato assicurativo italiano nei rami danni
- E’ assolutamente necessario che tale mercato diventi il più aperto e concorrenziale possibile .
Con questa petizione si chiede, di poter aggiungere al sopra riportato comma 2 - art. 109 - (Codice delle assicurazioni private) “non è consentita la contemporanea iscrizione dello stesso intermediario in più sezioni del registro” la seguente frase “ ma è consentita la collaborazione tra tutti gli iscritti .”.
Con questa formulazione, si consentirebbe a tutti i soggetti iscritti in A) che operano, in regime di esclusiva di poter collaborare anche con altre Compagnie.
Tale opportunità sarebbe oltremodo ben accolta nel sud – Italia per i motivi che tutti ben sappiamo.

Firma La Petizione

O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
7 / 50000

Firme Recenti

  • 18 May 20127. Rita
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 May 20126. Teodoro
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 May 20125. Gisella Parisio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 May 20124. Saffiro
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 May 20123. Ambra
    Sottoscrivo questa petizione
  • 25 July 20112. BERNARDO BARATTINI
    Sottoscrivo questa petizione
  • 05 March 20111. Filippo Guttadauro
    Sottoscrivo questa petizione

Filippo GuttadauroDa:
LavoroIn:
Destinatario petizione:
Tutti gli Intermediari iscritti al Registro Unico Intermediari (RUI)

Sostenitori ufficiali della petizione:
Unione Nazionale Intermediari Assicurativi

Tags

Nessuna tag

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets