INFORMAZIONE LIBERA - SOLIDARIETA' AL GIORNALISTA BELLUNESE LUCIO EICHER CLERE firma ora

SOLIDARIETA' A LUCIO EICHER CLERE - RADICALI BELLUNO


CARI AMICI,

IN RELAZIONE A QUANTO SUCCESSO NEI GIORNI SCORSI ALL'AMICO GIORNALISTA LUCIO EICHER CLERE
(RIPORTIAMO PIU' IN BASSO LA NOTIZIA TRATTA DA "IL GAZZETTINO" DI BELLUNO), IL GRUPPO DEI RADICALI BELLUNESI
VUOLE ESTERNARE LA PIU' PIENA SOLIDARIETA' A LUCIO,
GRANDE AMICO, SOSTENITORE, UNO TRA I POCHI INTELLETTUALI
COERENTI, ONESTI, LIBERI DI QUESTA NOSTRA TERRA BELLUNESE.

LA "PESTE ITALIANA" FATTA DI IPOCRISIA, STRAGE DI LEGALITA' E DI DIRITTO,
SERVILISMO E LOTTIZZAZIONE PARTITOCRATICA,
PORTERA' ALLA DERIVA ,SEMPRE PIU', NON SOLTANTO L'ITALIA
MA SOPRATTUTTO LE PERIFERIE DELL'IMPERO.

LUCIO, TIENI DURO.

LE IDEE, LA GIUSTIZIA E LA LIBERTA' NON MORIRANNO MAI.

CLAUDIO MICHELAZZI
RADICALI BELLUNO





SOLIDARIETA' A LUCIO


I radicali da sempre auspicano che venga creata un'anagrafe pubblica degli eletti e dei nominati, che ci sia trasparenza nella gestione della cosa pubblica in tutti i livelli amministrativi.
I Radicali Belluno più volte hanno spinto sulla questione, ad esempio rendendo visibile questo dato già pubblico e che ha suscitato molte polemiche, tanto da spingere uno degli interessati a chiarire la sua posizione, oppure commentando la scritta "vergogna" sulla bacheca della Regola di Costalta di Cadore a proposito del compenso del presidente della Regola.
Ma sembra che chiedere trasparenza e libertà di informazione porti all'effetto opposto: come la perquisizione dell'abitazione di un giornalista e militante radicale bellunese, Lucio Eicher Clere, da parte dei carabinieri su mandato delle procura di Venezia.

Chiedo un piccolo gesto in nome della libertà di informazione, rappresentata al meglio dalla rete, fai giungere la tua solidarietà a Lucio in uno dei seguenti modi:

1- mail: lucioeicher@libero.it

2- commentando la notizia su bellunopress

3- su Facebook: Lucio Eicher Clere


GIOVANNI PATRIARCA
RADICALI BELLUNO




Da "Il Gazzettino"

Ore 6.30, carabinieria casa di un giornalistaSabato 29 Ottobre 2011, Perquisita la casa di un giornalista querelato per diffamazione. «Erano le 6.30 quando mia sorella è venuta chiamarmi al forno sotto casa, dove stavo lavorando come tutte le mattine, dicendomi che c’erano cinque carabinieri che mi cercavano». Lucio Eicher Clere, corrispondente dal Comelico del Gazzettino racconta la mattinata trascorsa con i carabinieri. «Ho pensato subito: ok, sarà per la foto. Sapevo - continua Eicher Clere - che il presidente della Regola di Costalta mi ha denunciato per l’articolo che ho scritto, accusandomi di aver taroccato io la foto. Quindi ho chiamato mia figlia, le ho chiesto di anticipare l’arrivo al forno e sono salito in casa con i carabinieri. Appena entrato nel mio studio ho acceso il computer pensando di recuperare la foto da consegnare ai carabinieri».
A questo punto però, racconta il giornalista, i militari lo hanno stoppato, esibendo il decreto di perquisizione dell’abitazione e delle pertinenze firmato dal pm Giorgio Gava.
Fatti i controlli c’è stata la necessità di andare in caserma per stendere il verbale. Intorno alle 10 Eicher Clere è salito in macchina, accompagnato da uno dei carabinieri. Quindi il corteo di tre auto è partito alla volta di Santo Stefano dove il giornalista è rimasto fino a mezzogiorno.
«Per una foto che avrei potuto consegnare in 30 secondi - commenta Eicher Clere - mi hanno fatto perdere 6 ore».
Tre anni fa era successo un fatto simile. «Nell’agosto del 2008 i carabinieri di Santo Stefano mi suonarono alle 8 del mattino - racconta il giornalista - io detti loro le indicazioni precise di quello che cercavano e poi se ne andarono. Pensavo che fosse così anche stavolta».
«Mi è sembrata un’azione sproporzionata rispetto a ciò che ho fatto - conclude Eicher Clere - in fondo ho scritto un articolo da Costalta e sono stato denunciato dal caporegola di Costalta. Che si muovano carabinieri addirittura da Venezia mi pare esagerato. Poi, ovviamente, alle 8 dovevo essere a scuola a Longarone, ma la segreteria apre alle 8.15, quindi ho potuto avvisare solo a turno iniziato, creando disagi all’istituto».


Alla ricerca della foto della bacheca delle Regole imbrattata

Sabato 29 Ottobre 2011, La questione che ha portato alla perquisizione di ieri nell’abitazione del collaboratore del Gazzettino Lucio Eicher Clere è legata all’articolo, pubblicato non solo dal Gazzettino, il 6 gennaio scorso. Al centro della questione la plateale protesta contro la Regola di Costalta la cui bacheca era stata imbrattata di vernice con la scritta "vergogna". La rabbia dell’ignoto imbrattatore era stata scatenata dall’esposizione della delibera di rimborso spese agli amministratori dove spiccava la voce relativa al compenso ricevuto dal presidente Silvano Eicher Clere, pari a 11054,60 euro l’anno, cioè 920 euro netti al mese.
L’articolo era accompagnato dalla foto della bacheca imbrattata, pubblicata anche da altre testate, quella che i carabinieri su ordine della procura veneziana cercheranno nel computer di Eicher Clere, insieme alle prove di una eventuale contraffazione.


LE REAZIONI Preoccupazione di Ordine dei giornalisti, Sindacato e Gruppo cronisti
«Ci appelliamo alla corte di Strasburgo»

Chiesto un immediato confronto alla Procura generale Sabato 29 Ottobre 2011, L'Ordine e il Sindacato dei giornalisti del Veneto, con il Gruppo cronisti veneti esprimono preoccupazione per l’ennesima perquisizione a carico di un collega.
Questa mattina (ieri, ndr), poco prima delle 6.30, cinque carabinieri (due in divisa e tre in borghese) hanno perquisito l'abitazione di Lucio Eicher Clere, corrispondente de Il Gazzettino da Costalta di San Pietro di Cadore.
La procura di Venezia ha ipotizzato il reato di diffamazione (articolo 595 del codice penale) dopo la querela presentata dal presidente delle Regole di Costalta di Cadore, dando mandato ai carabinieri di sequestrare tutti i computer e le chiavette usb in uso al collega quali strumenti necessari per la propria attività, impedendogli di fatto di continuare a lavorare.
Senza entrare nel merito della vicenda, Ordine, Sindacato e Gruppo cronisti si appellano a quanto stabilito dalla Corte di Strasburgo che, più volte, si è pronunciata contro perquisizioni e sequestri ai giornalisti a tutela della libertà e autonomia dell'informazione.
Ordine e Sindacato dei Giornalisti del Veneto e Gruppo cronisti veneti chiederanno alla Procura generale e alla Procura di Venezia un immediato confronto.
Il direttore del Gazzettino, Roberto Papetti, nel ribadire piena fiducia nell'operato della magistratura, ha espresso «sorpresa e preoccupazione» per quanto accaduto, auspicando «che sul caso si faccia al più presto la necessaria chiarezza».



SOLIDARIETA' A LUCIO EICHER CLERE DAI RADICALI BELLUNESI - Da "Il Gazzettino"

Solidarietà a Eicher Clere
dai Radicali bellunesi

Lunedì 31 Ottobre 2011, I radicali di Belluno manifestano solidarietà a Lucio Eicher Clere, corrispondente del Gazzettino, dopo i fatti che lo hanno visto querelato per diffamazione in conseguenza alla quale la sua casa è stata perquisita dai carabinieri. Il gruppo radicali bellunesi - recita un comunicato sottoscritto da Claudio Michelazzi - vuole esternare la più piena solidarietà a Lucio, grande amico, uno tra i pochi intellettuali coerenti, onesti, liberi di questa nostra terra bellunese. Lucio, tieni duro. Le idee, la giustizia e la libertà non moriranno mai».
«I radicali - sottolinea Giovanni Patriarca - da sempre auspicano che venga creata un'anagrafe pubblica degli eletti e dei nominati, che ci sia trasparenza nella gestione della cosa pubblica in tutti i livelli amministrativi. I Radicali Belluno più volte hanno spinto sulla questione, ad esempio rendendo visibile questo dato già pubblico e che ha suscitato molte polemiche, tanto da spingere uno degli interessati a chiarire la sua posizione, oppure commentando la scritta "vergogna" sulla bacheca della Regola di Costalta di Cadore a proposito del compenso del presidente della Regola. Ma sembra che chiedere trasparenza e libertà di informazione porti all'effetto opposto: come la perquisizione dell'abitazione di un giornalista, Lucio Eicher Clere, da parte dei carabinieri su mandato delle procura di Venezia. Chiedo un piccolo gesto: fai giungere la tua solidarietà a Lucio in uno dei seguenti modi, mail: lucioeicher@libero.it; su facebook: Lucio Eicher Clere».

Firma La Petizione

O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
26 / 5000

Firme Recenti

  • 19 maggio 201226. Assunta
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201225. Tarcisio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201224. Clara Hazma
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201223. Fiorenziano
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201222. Quinziano Agnella
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201221. Noemi
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201220. Lodovica Pisana
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201219. Ferdinando
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201218. Bice
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 201217. Alighiero Maggiotto
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 201216. Abbondanza
    Sottoscrivo questa petizione
  • 03 dicembre 201115. Denis
    Sottoscrivo questa petizione
  • 29 novembre 201114. laura leva
    Sottoscrivo questa petizione
  • 06 novembre 201113. Franco Da Rif (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 06 novembre 201112. Stefano Lentini
    Sottoscrivo questa petizione
  • 06 novembre 201111. Giovanni CREMA
    Sottoscrivo questa petizione
  • 05 novembre 201110. Eline74
    Sottoscrivo questa petizione
  • 03 novembre 20119. Graziano Zanella
    Sottoscrivo questa petizione
  • 03 novembre 20118. Graziano Zanella (non verificato)
    Firmo la Petizione, in quanto stanco di questi abbusi .
  • 03 novembre 20117. Gianni Frescura
    Sottoscrivo questa petizione
  • 03 novembre 20116. Laura Lucia De Ghetto
    Sottoscrivo questa petizione
  • 02 novembre 20115. Vincenzo Lapegna
    Sottoscrivo questa petizione
  • 02 novembre 20114. Fabio Jerman
    Sottoscrivo questa petizione
  • 01 novembre 20113. Ilaria Pernigotti
    Io sottoscrivo questa petizione, fallo anche TU !!!
  • 01 novembre 20112. Giovanni Tessarolo
    Sottoscrivo questa petizione
  • 01 novembre 20111. Claudio Michelazzi
    Sottoscrivo questa petizione

Tags

bellunese, claudio, clere, eicher, giornalista, informazione, liberta', lucio, michelazzi, radicali

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets