Difendere i Referendum, per difendere la Democrazia firma ora

Se ce ne fosse bisogno, per i più distratti e per gli ingenui, è stato chiarito e argomentato da parte del Presidente del Consiglio il bluff sul referendum contro il nucleare: nessuna marcia indietro, solo un’aspettativa, una moratoria, una sospensiva in attesa che passi l’emozione per il disastro nucleare di Fukushima successo in tempo di primavera come quello di Chernobyl e così tragicamente simili e assimilabili.

Il Governo teme una bocciatura clamorosa il 12 e 13 giugno e teme un quorum di SI’ sui 4 referendum (2 contro la privatizzazione dell’acqua, 1 contro il ritorno del nucleare e 1 contro il legittimo impedimento a comparire in giudizio per il presidente del consiglio e per i ministri durante il corso della legislatura!

Così il Governo ha deciso di aggirare l’ostacolo e gabbare i cittadini facendo credere di abrogare le leggi che prevedono la costruzione di centrali nucleari in Italia in modo da “sgonfiare” l’appuntamento referendario.

Ma l'emendamento passato al Senato, che deve ancora passare alla Camera prima di diventare legge ed essere pubblicata in GU entro il 26 maggio si presenta solo formalmente come un’abrogazione delle norme sulla costruzione delle centrali nucleari.

Infatti il primo comma recita: “Al fine di acquisire ulteriori evidenze scientifiche, mediante il supporto dell'Agenzia per la sicurezza nucleare, sui profili relativi alla sicurezza nucleare, tenendo conto dello sviluppo tecnologico in tale settore e delle decisioni che saranno assunte a livello di Unione europea, non si procede alla definizione e attuazione del programma di localizzazione, realizzazione ed esercizio nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia elettrica nucleare.

E l’ultimo comma, il n. 8 “Entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto (quindi entro maggio 2012) il Consiglio dei ministri…adotta la Strategia energetica nazionale, che individua le priorità e le misure necessarie al fine di garantire la sicurezza nella produzione di energia, la diversificazione delle fonti energetiche …”

La parola “sicurezza” che al primo comma è riferita a “nucleare”, nell’ottavo comma ritorna riferito alla produzione di energia, ma è evidente, anche se non è stato furbescamente scritto, che si deve leggerlo inteso come “produzione di energia nucleare”!
Noi siamo cittadini, non sudditi !

e non vogliamo che ci sia scippato un diritto e uno strumento di democrazia diretta e vogliamo andare a votare per il/i referendum.


Facciamo appello al Capo dello Stato
e alla Corte di Cassazione

perché nella decisione che si assumerà in merito al referendum sul nucleare
si tenga in considerazione quanto affermato
pubblicamente e spudoratamente dal presidente del consiglio
e
si dia corso allo svolgimento del/dei referendum.


Torino, 28 aprile 2011

Movimento per l'alternativa al nucleare - MANu
www.csenonuke.altervista.org

Firma La Petizione

O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
21 / 100000

Firme Recenti

  • 18 maggio 201221. Francesco Cassinelli
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201220. Nostriano
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201219. Saffiro Milosevic
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201218. Quirino
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201217. Galeazzo
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201216. Emiliano
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201215. Orfeo
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201214. Donata Letizia
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 201213. Zenone Caraffa
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 201212. Olga
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 201211. Virgilio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 201210. Aida
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 20129. Aurelia
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 20128. Immacolata
    Sottoscrivo questa petizione
  • 23 maggio 20117. ilaria alunni
    Sottoscrivo questa petizione
  • 05 maggio 20116. mauro zunino
    Sottoscrivo questa petizione
  • 29 aprile 20115. FLAVIA BUSSI
    Sottoscrivo questa petizione
  • 29 aprile 20114. Erik De Paris
    Sottoscrivo questa petizione
  • 29 aprile 20113. paolo rosi
    Sottoscrivo questa petizione
  • 29 aprile 20112. Heidy Nussbaumer
    Sottoscrivo questa petizione
  • 28 aprile 20111. Matteo Benegiamo
    Sottoscrivo questa petizione

Movimento per l'alternativa al nucleare MANuDa:
Verde e AmbienteIn:
Destinatario petizione:
Capo dello Stato, Corte di Cassazione

Sostenitori ufficiali della petizione:
Movimento per l'alternativa al nucleare

Tags

Nessuna tag

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets