Diaciamo Basta ai Poteri del Calcio: Tifosi del Napoli Uniti, Facciamo Valere i Nostri DIRITTI! firma ora

Una sentenza che farà storia. Una sentenza innovativa sia in prima istanza che nel ricorso. Una sentenza forse prevedibile. La Corte di Giustizia Federale respinge il ricorso del Napoli e conferma la squalifica di 3 turni ad Ezequiel Lavezzi e di fatto toglie l’argentino al Napoli per la sfida in campionato al Milan, l’appuntamento più importante della stagione ed ago della bilancia della lotta scudetto. Un campionato a questo punto “falsato” nel senso che le squadre non potranno lottare ad armi pari avendo a disposizione l’unidici titolare. Questo nel calcio può accadere per diversi motivi, certo è che questo putiferio mediatico partito pochi secondi dopo la fine della gara con la Roma è una strana coincidenza alla quale ci è permesso di non credere. “Io, come Dio, non gioco ai dadi, e non credo nelle coincidenze” diceva Albert Einstein ed in questo momento non possiamo non essere d’accordo


PALESE GESTUALITA’ IN PRIMA ISTANZA – Nelle motivazioni del Giudice Sportivo aveva dichiarato nella motivazione che dalle immagini in possesso non era possibile stabilire la certezza del fatto ma si faceva riferimento ad una “palese gestualità”. Dopo questa sentenza sarà DOVEROSO provvedere alla squalifica di chi manda a quel paese l’arbitro(non è prevista l’espulsione per questo) anche a distanza di metri utilizzando la prova televisa. GESTI PALESI e continui dovranno essere PUNITI come è accaduto a Lavezzi punito in prima istanza non perché ci fosse la certezza del fatto, ma attraverso l’interpretazione della mera gestualità. Saremo davvero curiosi di capire se il Giudice Sportivo userà lo STESSO METRO guardando in tv i labiali dei tanti calciatori che allontanandosi dal direttore di gara gli rivolgeranno parole e gesti che andrebbero puniti

“CONFLITTO” DI INTERESSE – Pare che le immagini che abbiano convinto la Corte, e che non erano in possesso del Giudice Sportivo, a confermare i 3 turni di squalifica siano stato elaborate da una nuova tecnologia utilizzata dalla trasmissione “Controcampo” trasmissione delle reti “Mediaset” di cui è proprietario Silvio Berlusconi che è proprietario anche del Milan, avversario del Napoli alla corsa scudetto. E’ questa una prova ammissibile? Non vi è un PALESE conflitto di interessi ed assolutà irritualità del procedimento? Non è certo per mettere in discussione la buona fede della redazione ma perché queste immagini spuntano a distanza di 5 giorni? Ci sarebbe stato lo stesso sforzo nel ricercare tali immagini se la questione avrebbe riguardato uno a casa…Ibrahimovic? Non abbiamo motivo di dubitarne, ma non abbiamo alcuna remora nel sottolineare che la situazione sia alquanto ambigua. A prescindere dall’indiscussa buona fede ancora una volta ha vinto il più forte. O quello che aveva più televisioni…

"Tratto dal portale web www.Tuttonapoli.net"

I tifosi tutti chiedono alla Società Sportiva Calcio Napoli di farsi garante dei diritti del calciatore e dei tifosi che sono stati calpestati in secondo giudizio; siamo stati infatti tutti vittima di un ignobile messa in scena, architettata per fermare il grande campionato che la squadra partenopea sta portando avanti, cercando di colpire e condannado, infine, uno dei suoi uomini più rappresentativi in vista del match Milan-Napoli, partita n° 28 del campionato italiano.
Il giudice sportivo Tosel, come emerso già dall'articolo giornalistico sopra citato, si è fatto fautore di una sentenza unica nella storia del calcio, non solo italiano, ma mondiale, e che crea un pericoloso precedente per una futura giusta attuazione della prova TV.
L'inammissibilità del giudizio è infatti basata sulla fallacità delle prove portate a giudizio, che addirittura sembrano essere state sottoposte a successive rielaborazioni al fine di rendere visibile ciò che non era, e quindi contaminando la prova stessa. Ma a quanto pare il volere di alcuni individui era superiore alla giustizia stessa, scavalcando anche le normali procedure.
Detto questo, i tifosi chiedono alla SSC Napoli di intervenire tempestivamente in sede di Lega, e di ritirare la squadra dalla competizione Torneo di Viareggio, al fine di rendere pubblico tutto il dissenso che questa vicenda ha provocato nell'ambiente calcistico Partenopeo.

Firma La Petizione

O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
28 / 500000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Alfonso DiscepoloDa:
SportIn:
Destinatario petizione:
Società Sportiva Calcio Napoli

Tags

de laurentiis, figc, lavezzi, napoli, petizione, sputo, tifosi

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets