Barriere architettoniche: la storia infinita e il sistematico menefreghismo delle amministrazioni firma ora

Nella primavera del 2009 i ragazzi di “Trento Attiva” sensibilizzarono la cittadinanza trentina in merito al problema delle barriere architettoniche. Furono invitati i rappresentanti dei partiti sia a livello comunale che a livello provinciale. Il consigliere provinciale IDV Bruno Firmani aderì all’iniziativa, insieme al consigliere comunale del PD Paolo Serra. Vennero distribuite un paio di carrozzine utilizzate dai portatori di handicap e i ragazzi fecero una dimostrazione pratica, per far comprendere a quali e quante difficoltà e mortificazioni morali vanno incontro coloro che sono costretti a muoversi in carrozzina.
Furono circa cinquanta gli esercizi segnalati, con accesso disagevole, o addirittura precluso, di questi una decina erano stati ristrutturati di recente. I giornali ne riferirono, tutti quanti presero nota, esiste anche una mozione del Consigliere Comunale del PD di Trento, che dovrebbe essere discussa a breve, ma che fino ad ora non ha ancora visto la luce.
Di fatto però il problema persiste su tutto il territorio provinciale, infatti andando a verificare il dispositivo della legge n.° 1 del 7 gennaio 1991 sulle barriere architettoniche, si scopre che lo stesso demanda ad un apposito Ufficio Provinciale la formazione del personale comunale sugli adempimenti necessari per la rimozione delle barriere architettoniche, sia dagli edifici pubblici che dagli edifici e spazi privati aperti al pubblico. Sulla base della prescrizione di questi uffici il Sindaco procede poi al rilascio della licenza edilizia. Come ha evidenziato la passeggiate in centro storico a Trento la scorsa primavera, però, queste prescrizioni cadono tutte quante sotto la mannaia dell'articolo 6 della legge del 1991 che consente di andare in deroga per obiettive ragioni tecniche connesse con gli elementi strutturali o impiantistici dell'opera, su autorizzazione del sindaco, previo parere favorevole del servizio lavori pubblici degli enti locali, rilasciato sulla base di criteri individuati con apposito provvedimento della Giunta provinciale.
Morale della favola all’adeguamento degli esercizi pubblici non si provvede mai, per questo il Consigliere Firmani, ha chiesto lumi durante la seduta del Consiglio Provinciale del 17 gennaio, all’Assessore competente, con un’interrogazione a risposta immediata, dove si chiede di conoscere quali siano le ragioni ostative alla piena applicazione della L.P. n°1 del 1991 e come intende ovviare a tale grave situazione.
La risposta dell’Assessore Alberto Pacher ha evidenziato come l’ufficio provinciale abbia solo potere di indirizzo e di supporto informativo sulla normativa, ma nessun potere di interferire sull’atto finale, il rilascio della licenza. La sensazione è che nessuno voglia farsi carico del problema, esiste una legge, esistono i contributi di legge per adeguarsi, ma il problema viene sistematicamente ignorato da funzionari compiacenti e promesse di adeguamenti futuri, o futuribili. Qualche volta si tratta perfino di piccole cose per garantire almeno l’accesso a negozi e attività commerciali : uno scivolo al posto di un gradino, una porta leggermente più larga per permettere l’accesso di una carrozzina, ma anche nelle ultime e ultimissime ristrutturazioni degli esercizi commerciali, la necessità di abbattere le barriere architettoniche viene totalmente ignorata. Per questo motivo il gruppo di lavoro che aveva dato vita alla passeggiata informativa sulle barriere riproporrà l’iniziativa nella prossima primavera, con anche maggiore incisività e decisione.

Elena Baiguera Beltrami
Bruno Firmani
Dario Romeo
La petizione è stata ideata e scritta dal gruppo Idv di Trento

Firma La Petizione

O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
145 / 50000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Associazione TrentoAttivaDa:
Giustizia, diritti e ordine pubblicoIn:
Destinatario petizione:
Consiglio Comunale di Trento

Tags

barriere architettoniche

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets