ABOLIZIONE ART.8 EMANATO DALLA MANOVRA DEL GOVERNO firma ora

Aderiamo all’appello per il referendum abrogativo dell’articolo 8 della L.138bis

I firmatari di questo documento aderiscono all’appello per un referendum abrogativo dell’art. 8 della Legge 138 bis.
L’Articolo 8 della legge 138 bis annulla diritti fondamentali.
Il diritto di non essere licenziato senza giusta causa, il diritto di non essere controllato da telecamere attimo per attimo, insomma il complesso di quei diritti che la legislazione e la contrattazione riconoscono al lavoro.
E’ su questo complesso di norme che si fonda la nostra Costituzione e la nostra democrazia.
L’Articolo 8 della legge 138 bis cancella la democrazia.
In democrazia ogni cittadino, senza distinzione alcuna, è titolare dei propri diritti: è su questo principio che si fonda l’uguaglianza e la libertà di ciascuno e quindi di tutti.
L’Articolo 8 della Legge 138 bis scippa il diritto al singolo e lo trasferisce alle organizzazioni sindacali.
Il singolo diventa meno libero e meno uguale.
L’organizzazione sindacale, da organismo di rappresentanza di lavoratori e lavoratrici che le conferiscono questo mandato, sempre e comunque verificabile e revocabile, diventa proprietaria di diritti altrui, col potere di cancellarli o elargirli.
Il delicatissimo equilibrio di democrazia diretta e democrazia rappresentativa sul quale si fonda la Costituzione viene completamente sradicato: il singolo senza diritti non è più cittadino, il sindacato non è più organismo democratico di rappresentanza ma lobby di potere.
L’Art. 8 della L. 138bis scardina il Diritto del Lavoro.
Non c’è più certezza del diritto se in ogni fabbrica, in ogni ufficio, in ogni territorio possono realizzarsi differenti modalità di fruizione ed esercizio di diritti non più universali ma relativi.
E relativi ai rapporti di forza di quella fabbrica, di quell’ufficio, di quel territorio.
E’ in gioco la qualità del nostro futuro quando in una società la forza sostituisce al democrazia.
Ci rivolgiamo ai singoli, al lavoratore, alla lavoratrice, al pensionato, alla pensionata, alla giovane, al giovane, al cittadino, alla cittadina perché riprendano nelle proprie mani il proprio diritto di essere tale: non esiste altro modo per ricostruire le ragioni di un vivere collettivo fondato sul rispetto, sulla dignità, sulla libertà.

Firme
Aldo Tortorella, Antonio Di Pietro, Antonio Lettieri, Fausto Bertinotti, Francesco Garibaldo, Gianni Ferrara, Giuseppe (Pippo) Civati, Giuseppe Giulietti, Lucia Annunziata, Nichi Vendola, Paolo Ferrero, Paolo Nerozzi, Rita Borsellino, Sergio Cofferati, Vincenzo Vita

Firma La Petizione

O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
52 / 1000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Stefano TorsaniDa:
LavoroIn:
Destinatario petizione:
GOVERNO

Sostenitori ufficiali della petizione:
AMICI DEL LAVORO

Tags

indispensabile

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets