Per una politica della felicità: istituire le doparie, le primarie dopo le elezioni su decisioni di governo sign now

Viviamo in Italia una fase politica molto difficile. I governi cadono e i politici non riescono ad accordarsi per cambiare una legge elettorale "carente". Abbiamo di fronte una democrazia seriamente ammalata in cui esplodono a raffica difficoltà e tensioni sociali, e in cui è profondamente intaccato il rapporto di lealtà tra cittadini e politici. Cè ancora qualcosa che si può fare per fermare il declino e invertire la rotta?

Studi scientifici sulle emozioni dimostrano che gli istituti di democrazia diretta incrementano la felicità personale: i cittadini svizzeri sono più soddisfatti nei cantoni dove possono influenzare maggiormente le decisioni politiche. Ci vorrebbe in Italia un nuovo strumento di partecipazione democratica allargata, che riavvicini gli elettori alla politica e che consenta loro di provare nuovamente fiducia nei confronti dei politici, senza più considerarli come appartenenti ad una casta privilegiata e intoccabile.

Lo strumento per rispondere validamente alla crisi della politica e alle denunce dellantipolitica sono le DOPARIE, ossia, le primarie svolte dopo le elezioni e vertenti su questioni e decisioni di governo. Il termine "doparie" ha un significato duplice: si collega al termine primarie: mentre le primarie si fanno prima delle elezioni, le doparie si fanno dopo elezioni, quando è maggiore lo scollamento tra politica e problemi dei cittadini; fa venire in mente il fenomeno del doping, però in questo caso si tratta di doping positivo: come il movimento del corpo fa bene al cervello, così i movimenti della società civile e la partecipazione democratica possono aiutare i partiti a governare.

Attraverso una doparia, le coalizioni al potere potrebbero consultare i propri elettori a proposito di questioni non previste al momento della redazione del programma di governo, oppure riguardo a questioni previste dal programma ma che spaccano la coalizione. Si veda, ad esempio, la tassazione al 20\% delle rendite finanziarie, che era presente nel programma dellUnione ma che ha spaccato la coalizione di governo. Una doparia consultiva su questo tema avrebbe degli effetti sicuramente positivi: gli elettori si sentirebbero spinti a interessarsi delle questioni pubbliche e si sentirebbero finalmente coinvolti e ascoltati dai politici per le decisioni più importanti; i politici stessi riacquisterebbero una parte della fiducia degli elettori; il governo avrebbe la forza e il consenso per prendere decisioni difficili.

Ma le doparie oltre a essere consultive, potrebbero anche essere propositive. Qualora i cittadini si accorgessero di un problema sociale per loro importante ma assente dallagenda politica, essi potrebbero spingere la propria coalizione di governo a indire una doparia. Un esempio? Il doppio cartellino dei prezzi in euro e in lire. Se ci fossero state le doparie nel 2002, quando dopo il cambio lire-euro è iniziata la speculazione sui prezzi dei beni al consumo, i cittadini avrebbero potuto costringere i politici a rendere obbligatorio il doppio cartellino, con un chiaro effetto deterrente contro laumento sconsiderato dei prezzi. Altri esempi? L'istituzione di un salario di disoccupazione. La Tav in Val di Susa. L'innalzamento dei fondi per la ricerca scientifica e per la cultura...

Questo strumento di democrazia partecipativa nelle mani dei cittadini costituirebbe una continuazione ideale di movimenti e processi associativi della società civile, che sono nati, sono cresciuti dal punto di vista mediatico e poi sono sfioriti proprio per lassenza di strumenti di partecipazione.

Hanno già aderito alla proposta delle doparie semplici cittadini, politici e intellettuali tra cui Oliviero Beha, Tana de Zulueta, Antonello Falomi, Clara Sereni, Mario Staibano, Clotilde Pontecorvo, Francesco Scardamaglia, Carlo Siliotto, Elio Veltri, Sabrina Paravicini, Gualtiero Rosella, Filippo La Porta, Antonio Di Pietro, Alfonso Berardinelli, Mimmo Locasciulli, Ammazzateci tutti ragazzi di Locri...

Le doparie rappresentano unidea forte di democrazia e una discontinuità effettiva rispetto alla vecchia politica. Un tentativo di cambiamento, con uno slogan divertente:
"Doparie. *Fatti* di vera Democrazia Partecipata". Per creare finalmente una politica felice, noi abbiamo deciso di dargli vita.

Sign The Petition

OR

If you already have an account please sign in, otherwise register an account for free then sign the petition filling the fields below.
Email and the password will be your account data, you will be able to sign other petitions after logging in.

Privacy in the search engines? You can use a nickname:

Attention, the email address you supply must be valid in order to validate the signature, otherwise it will be deleted.

I confirm registration and I agree to Usage and Limitations of Services

I confirm that I have read the Privacy Policy

I agree to the Personal Data Processing

Shoutbox

Who signed this petition saw these petitions too:

Sign The Petition

OR

If you already have an account please sign in

Comment

I confirm registration and I agree to Usage and Limitations of Services

I confirm that I have read the Privacy Policy

I agree to the Personal Data Processing

Goal
828 / 1000

Latest Signatures

  • 28 February 2016828. Riccardo L
    www.riccardolenzi.info
  • 21 February 2016827. Tomas Sandoval
    I support this petition
  • 19 February 2016826. Fabio Z
    I support this petition
  • 12 February 2016825. Francesco Doyle
    I support this petition
  • 12 February 2016824. Antonio Singh
    I support this petition
  • 08 February 2016823. Francesco D
    sarebbe bello. speriamo si possa fare
  • 05 February 2016822. Stellario P
    I politici dovrebbero anche essere soggetti a controlli: presenza, ecc, in modo da non essere SICURI del loro "posto di lavoro", comunque si comportino.
  • 12 January 2016821. Brunelli N
    facciamoci le doparie!!!!!
  • 01 January 2016820. Mimma P
    I support this petition
  • 28 December 2015819. New Searche
    (a href="http://www.cuil.com/")new search engine(/a) [url=http://www.cuil.com/]new search engine[/url] (a href=http://www.cuil.com/)new search engine(/a) [url= http://www.cuil.com/ ] new search engine [/url]
  • 25 December 2015818. Sergio C
    Prima che sia troppo tardi... fate qualcosa!!!!
  • 13 December 2015817. Luca O
    si, favorevole a togliere la politica ai politici e favorevole alle decisioni popolari
  • 10 December 2015816. Federica M
     
  • 09 December 2015815. Marisa Hubbard
    sottoscrivo.
  • 05 December 2015814. Franca M
    forza,forza,forza....,,
  • 05 December 2015813. Emilano Becker
    I support this petition
  • 03 December 2015812. Antonello F
    I support this petition
  • 08 November 2015811. Gisberto B
    I support this petition
  • 07 November 2015810. Aldo B
    poi facciamo i conti :)
  • 06 November 2015809. Fabiana S
    Augurandoci che qualcosa cambi davvero...
  • 19 October 2015808. Corrado Newman
    I support this petition
  • 17 October 2015807. Maria Colonnaf
    sarebbe una GRANDE CONQUISTA DEMOCRATICA!!! questo Paese deve risorgere, gli serve un impulso forte dalla base, sappiamo bene che il Paradiso non sta in alto, possiamo conquistarlo qui sulla terra, almeno un piccolo frammento di Paradiso terrestre, la fel
  • 15 October 2015806. Caterina Underwood
    I support this petition
  • 11 October 2015805. Beatrice C
    I support this petition
  • 11 October 2015804. Stefano Gavinb
    senza doparie non c'è democrazia
  • 28 September 2015803. Marco Kaufman
    I support this petition
  • 23 September 2015802. Danilo M
    I support this petition

browse all the signatures

Francisco WebsterBy:
International PolicyIn:
Petition target:
Società Civile, Istituzioni, Organi d'Informazione

Tags

No tags

Share

Invite friends from your address book

Embed Codes

direct link

link for html

link for forum without title

link for forum with title

Widgets